mercoledì 31 agosto 2011

Salta la norma sul riscatto della laurea

Salta la norma sulle pensioni. L'Ue: "Servono misure per la crescita". La misura sul riscatto degli anni di laurea e sul servizio militare è stata al centro di un vertice tra Sacconi e Calderoli. http://www.repubblica.it/politica/2011/08/31/news/manovra_salta_la_norma_sulle_pensioni-21072954/?ref=HREA-1

martedì 30 agosto 2011

Celodurismo Leghista..."Le pensioni non si toccano!"

Celodurismo Leghista..."Le pensioni non si toccano!"

Naia e università inutili alla pensione. Un anno di vita militare "buttato al vento". Abbiamo servito la patria e "adesso ci ripagano così". Per il nostro governo "lo studio e l'università sono solo tempo sprecato"...."Mi state rubando quattro anni di riscatto di studi universitari e un anno di servizio militare mentre i vostri privilegi restano gli stessi". http://www.repubblica.it/economia/2011/08/30/news/manovra_web-21030091/?ref=HRER1-1

giovedì 25 agosto 2011

Ma il dito medio è salvo!

Incidente domestico per Bossi
Cade dal letto e si frattura il gomito
Il ministro delle Riforme è stato portato all'ospedale di Cittiglio dove è stato ingessato e poi mandato a casa.
www.repubblica.it/politica/2011/08/25/news/bossi_spalla_f...

Gossip

Gossip by Livio Bonino
Gossip, a photo by Livio Bonino on Flickr.

E' un Berlusconi magro, quasi pelle e ossa, quello che ha presenziato qualche giorno fa al Trofeo Berlusconi.
Cos'è successo al Presidente del Consiglio? Saranno i suoi guai giudiziari, gli scandali del bunga bunga, la crisi economica, i litigi all'interno della maggioranza, lo sciopero dei calciatori o cos'altro? http://politicaesocieta.blogosfere.it/2011/08/berlusconi-si-mette-a-dieta-e-perde-quattro-chili-in-otto-giorni.html

domenica 14 agosto 2011

mercoledì 10 agosto 2011

martedì 9 agosto 2011

La Colpa Di Vivere

La Colpa Di Vivere by Livio Bonino
La Colpa Di Vivere, a photo by Livio Bonino on Flickr.

Pare proprio che a salvare la patria in mutande dovranno essere i pensionandi. Decine di migliaia di lavoratori che, dopo aver sgobbato fin da ragazzi e pagato contributi previdenziali per decine e decine di anni, arrivati a poche buste paga dal traguardo stanno per sentirsi dire che la loro pensione è diventata un lusso insostenibile. I nullatenenti con yacht a carico, le società municipalizzate che proliferano come funghi velenosi: queste e altre minuzie possono aspettare. La vera urgenza è il taglio di un diritto maturato, e autofinanziato, per tutta una vita.

E’ un’ingiustizia, quindi si farà. Nel più totale disprezzo dei progetti di quelle persone, che ora rischiano di annegare nell’incertezza insieme con le loro famiglie. Un’ingiustizia e anche un controsenso: come riusciranno i giovani a entrare nel mondo del lavoro, se si impedisce ai diversamente giovani di uscirne? Le ragioni della scelta sono fin troppo facili da comprendere. I pensionandi non hanno una lobby che li tuteli e non godono neppure di simpatia sociale. Come gli anziani in genere. Con il prolungamento della vita media, la società sembra quasi imputare loro la colpa di non voler morire. Di questo passo guadagnerà seguaci la provocazione dello scrittore inglese Martin Amis, che in un’intervista alla Bbc propose di rimettere in ordine i conti dello Stato Sociale sopprimendo i cittadini al compimento dell’ottantesimo anno. Va bene tutto (insomma, quasi tutto). Ma un Paese di privilegiati come il nostro eviti almeno di mettere alla gogna degli individui che hanno la sola colpa di aver creduto nelle leggi. Massimo Gramellini

lunedì 8 agosto 2011

Sarkozy Merkel, ultimatum al premier

La rabbia del Cavaliere "Mi commissariano". Premier sollevato per la salvezza del Paese, ma brucia il gelo dei leader. La nota franco-tedesca anticipata da una telefonata in Sardegna del presidente francese. È un vero e proprio ultimatum quello che Merkel e Sarkozy depositano sulla scrivania di Berlusconi, calibrando ogni singola parola del comunicato.
http://www.repubblica.it/dal-quotidiano/retroscena/2011/08/08/news/la_rabbia_del_cavaliere_mi_commissariano-20165262/

domenica 7 agosto 2011

Subito un decreto se c'é un altro lunedì nero.

LA PAURA DEL CAVALIERE "SUBITO UN DECRETO SE C´È UN ALTRO LUNEDÌ NERO". Berlusconi, nei suoi contatti di queste ore, sta lavorando in gran segreto a un´altra sorpresa: «Se tutto dovesse precipitare, se ci fosse un altro lunedì nero, non resterebbe che la strada di un decreto d´urgenza». www.cgil.it/rassegnastampa/articolo.aspx?ID=6773

giovedì 4 agosto 2011

La Borsa Malata

La Borsa Malata by Livio Bonino
La Borsa Malata, a photo by Livio Bonino on Flickr.

Berlusconi davanti al Parlamento. Deludente intervento del premier a Montecitorio. Nessuna nuova misura per la crescita, ma solo un riepilogo della forza dell'economia italiana e un appello all'opposizione...Alle 17.33 a Montecitorio, dopo la chiusura della Borsa, e un paio di ore più tardi in un discorso fotocopia di mezz'ora scarsa al Senato. http://www.repubblica.it/politica/2011/08/03/news/berlusconi_parlamento-19975543/?ref=HREA-1